Vademecum per aziende che mettono annunci sui newsgroup

Cara azienda, se sei arrivata qui significa che hai mandato un annuncio di ricerca personale ad un newsgroup, qualcuno ha ritenuto che il tuo messaggio non fosse fatto bene e ha pensato di rimandarti a questa pagina nella speranza che tu possa riuscire a migliorare la strategia comunicativa in materia di "ricerca e selezione del personale".

Non voglio farti perdere tempo, andiamo subito al dunque: di seguito trovi quello che secondo alcuni di noi potrebbe essere un buon modello di riferimento nella stesura di annunci. L'annuncio dovrebbe anche contenere qualche riga in cui ti presenti, dici come ti chiami e in che settore operi. Attenzione: secondo quanto stabilito dall'articolo 9 del Decreto Legislativo 10 settembre 2003, n. 276 (Legge Biagi) gli annunci in forma anonima non sono ammessi, quindi omettendo di dire chi sei commetti un reato. Se sei una societa' di selezione del personale sarebbe opportuno che, oltre a mettere il tuo nome e il tuo settore, mettessi anche il settore in cui opera l'azienda per cui stai curando la ricerca (se preferisci puoi evitare di indicarne il nome). Dunque, un modello a cui ispirarsi potrebbe essere il seguente:

descrizione: breve descrizione dell'attivita' per cui cerchi qualcuno
requisiti: competenze o caratteristiche personali che non possono assolutamente mancare (se mancano e' del tutto inutile candidarsi per il posto)
preferenze: competenze o caratteristiche personali che sarebbe meglio la persona avesse (tuttavia, anche in loro assenza la candidatura puo' essere presa in considerazione)
sede di lavoro: citta', o elenco di citta', in cui la persona assunta dovra' svolgere il suo lavoro
contratto: tipo di contratto offerto
retribuzione lorda:intervallo min/max (in euro) in cui potra' variare l'offerta economica, indicare qui anche eventuali benefit

Per un esempio su come usarlo puoi andare qui.


FAQ

E da quando in qua per mettere un annuncio bisogna seguire delle regole?

Chi ti ha mandato il link a questa pagina voleva darti una mano, poi tu sei libera di fare come vuoi (a parte il dovere di dire chi sei, li' c'e' una legge del nostro Parlamento che te lo impone). In generale puoi tranquillamente fregartene di queste regole, rischi solo di passare per un'azienda sciatta e con un approccio molto rozzo alla gestione del personale.

Cosa rischio se non do una o piu' delle informazioni indicate?

Dipende da quanto e' grave l'omissione. Se non dici chi sei violi la legge e quindi commetti un reato: e' molto probabile che prima o poi troverai qualcuno che segnalera' il tuo modo di fare alle autorita' preposte ai controlli, sicuramente non ti ritroverai con i libri in tribunale pero' dubito che la cosa sara' completamente indolore. In genere, comunque, i rischi associati al non dare queste informazioni sono riducibili a tre: passi per un'azienda poco seria, perdi tempo con gente che non ti interessa, fai perdere tempo a gente a cui tu non interessi.

Ma come faccio a dire quanto sono disposta a pagare? Le persone non sono tutte uguali...

Nessuno ti chiede di dare una cifra esatta. Pero' non dire che non hai proprio neanche un'idea perche' e' inverosimile. Le aziende serie non si alzano la mattina dicendo "oggi quasi quasi assumo qualcuno...". Le assunzioni vengono pianificate, l'azienda decide quante persone servono, per quali ruoli e quanto e' disposta a spendere.

Errori da evitare

Primo, un po' di rispetto

Chi sta cercando lavoro non e' un fallito o un buono a nulla che nella vita non e' riuscito a combinare niente e che quindi e' disposto a fare qualsiasi cosa pur di riuscire a guadagnare qualche euro. Chi cerca un lavoro e' una persona che ha delle competenze in un determinato settore (tante o poche, dipende da diversi fattori) e che e' disposto a metterle a disposizione di un'azienda. In cambio chiede sia del denaro con il quale mantenersi, mantenere eventuali persone a carico e togliersi qualche sfizio, sia delle soddisfazioni professionali. Quindi, quando scrivi un messaggio non pensare di rivolgerti ad una persona disperata che ti sta aspettando con i pantaloni abbassati, pensa invece che devi trovare una persona con determinate caratteristiche e riuscire a convincerla che le conviene venire a lavorare da te.

Sempre in tema di rispetto, non guasterebbe se per qualche giorno controllassi se sul newsgroup ci sono state risposte al tuo annuncio. Trattandosi di "gruppi di discussione" i frequentatori si aspettano di avere un minimo di interazione con te. Mettere un annuncio e sparire e' un modo di fare che denota scarso rispetto verso il newsgrouop.

Secondo, non chiedere la luna

Le persone hanno alcune competenze e non ne hanno altre. Prima di cominciare a cercare una persona da assumere dovresti chiarirti le idee su cosa le chiederai di fare. Sulla base delle attivita' che dovra' svolgere deciderai quali competenze ti servono. Alcune competenze ti serviranno molto, altre invece sarebbe bello se ci fossero ma se non ci sono andra' bene lo stesso, perche' magari si tratta di cose che la persona avra' modo di imparare lavorando per te. Usa la sezione "requisiti" per indicare le competenze che la persona deve avere, e che se non ha e' meglio non risponda neanche al tuo messaggio perche' non verra' sicuramente presa in considerazione. Usa invece la sezione "preferenze" per tutte quelle competenze che, se ci fossero, verrebbero valutate positivamente ma che comunque non sono strettamente necessarie per essere presi in considerazione.

Attenzione, qui ti giochi una buona fetta della tua immagine. Se la sezione "requisiti" e' troppo "ricca" darai l'idea di essere un'azienda che le spara grosse, che quando dice qualcosa bisogna prenderla con il beneficio di inventario. Insomma, un'azienda un po' cialtrona.

Facciamo un esempio, cosi' magari ci capiamo meglio. Se ti serve una persona che sviluppi CGI che accedano ad un DB Oracle non ti serve una persona che come requisiti abbia "ottima conoscenza DB Oracle, SQL, Perl, PHP, C, C++, piattaforme SOLARIS, HP-UX, Linux, protocolli di rete HTTP 1.0 e 1.1, HTTPS". Il DB Oracle lo gestira' un DBA, la persona che cerchi deve essere uno sviluppatore di CGI, quindi l'ottima conoscenza di come funzioni Oracle non e' un requisito essenziale. Puo' trovarsi a dover usare un sistema UNIX, magari a scrivere degli script nel linguaggio della shell, ma non serve sicuramente che abbia una conoscenza approfondita dei meccanismi tipici di Solaris o di HP-UX. Da ultimo, il linguaggio con cui si sviluppano gli script non viene deciso ogni mattina con un'estrazione a sorte. E' molto difficile che gli script vengano sviluppati qualche giorno in Perl, qualche giorno in C++ e qualche giorno usando il linguaggio della shell. Ti servira' qualcuno che sviluppi gli script in Perl e che magari, all'occorrenza, sappia farlo anche in C e in qualche caso sappia mettere le mani su script fatti in PHP. Un annuncio serio sarebbe qualcosa del tipo:


La Rossi WEB Services s.r.l. (www.rossiwebservices.it), azienda operante nel settore servizi WEB, cerca una persona da inserire nel proprio gruppo di sviluppatori.

descrizione: sviluppatore script CGI con accesso a DB Oracle
requisiti: ottima conoscenza Perl e SQL, buona conoscenza C
preferenze: conoscenza DB Oracle, nozioni di base di PHP, esperienza in ambiente UNIX
sede di lavoro: Vimodrone (MI)
contratto: CCNL Metalmeccanici, tempo indeterminato, full time
retribuzione lorda:30.000/34.000 euro anno, a secondo delle capacita'

Gli interessati sono pregati di inviare un CV dettagliato a jobs@rossiwebservices.it


"Rossi WEB Services s.r.l." e' un nome di fantasia, cosi' come lo e' il dominio "www.rossiwebservices.it".

Terzo, non scrivere idiozie

Una cosa che desta sempre grande meraviglia e' quanto poco senso del ridicolo abbiano le aziende che mettono annunci sui newsgroup. In genere fare di tutta l'erba un fascio non e' corretto, in questo caso pero' le eccezioni sono cosi' poche che dicendo "le aziende" si fa un errore di approssimazione molto minore di quello che si farebbe dicendo "alcune aziende".

Comunque, se per caso tu fai parte di quella sparuta pattuglia di aziende interessate a evitare il ridicolo, potresti seguire questa semplice regola: evita come la peste tutte quelle espressioni che una persona normale reputerebbe assolutamente idiote. A titolo di esempio si citano:

sono frasi che non servono a dare un'informazione ma a nasconderla. Se l'offerta economica fosse valida come racconti avresti tutto l'interesse a metterla in mostra, se la nascondi dai a intendere che tu stessa la consideri impresentabile. Cominciamo bene...

non se ne puo' piu' di aziende che si autoproclamano "leader". Essere leader vuol dire essere al primo posto in una classifica che elenca, in ordine di fatturato, numero di clienti, o altri parametri del genere, le aziende di un determinato settore di mercato. Se vuoi presentarti come leader di' almeno in base a quali parametri e in quale mercato e area geografica lo saresti. Se ti presenti come "leader" senza specificare in cosa consista la tua "leadership" l'unico effetto che ottieni e' quello di sembrare un'azienda un po' sbruffona.

se non ti interessa il titolo di studio basta non indicarlo.

sono frasi che scrivono praticamente tutte le aziende e che significano poco o nulla. Se ritieni che queste siano informazioni utili per suscitare l'interesse di chi legge il tuo annuncio devi essere un'azienda che ha davvero poco da offrire.

Valid HTML 4.01!